Un’anima sola, con molti volti: così si è presentato sul palco del Teatro Civico di Vercelli, martedì 23 maggio alle 20.30, l’ Istituto Superiore L. Lagrangia di Vercelli e di Trino con il suo spettacolo di fine anno scolastico, Lo Specchio di Orfeo. Una vera produzione teatrale, non un semplice ‘saggio di fine anno’, che ha avuto in tutte le sue fasi di ideazione, creazione e realizzazione il massimo sostegno della Dirigente d’Istituto, Adriana Barone.

Sala stracolma ad applaudire il risultato di un intero anno di lavoro di un team che, formato da docenti ed allievi di tutti i Licei del Lagrangia, Classico, delle Scienze Umane, Economico sociale, Linguistico, Musicale ed Artistico (sede di Vercelli e di Trino) ha voluto omaggiare il compositore barocco Claudio Monteverdi nei 450 anni della nascita e soprattutto riportare ‘alla luce’ il Mito di Orfeo, così amato e ripreso da ogni epoca.

L’idea, condivisa dai docenti referenti di tutti i Licei, è stata di creare una sorta di viaggio nel mito di Orfeo, dalle origini ai giorni nostri, rimontando spunti narrativi e musicali di versioni diverse, fino a creare una nuova trama: un po’ come facevano gli antichi aedi. Abbiamo riscoperto un mito plurimillenario “riflesso allo specchio” che ha saputo restituire di sé tante immagini diverse, ma coerenti fra loro: in esse, tutte le sue suggestioni e gli spunti di riflessione che solo le grandi storie sanno consegnare all’umanità”: così la responsabile della regia tecnica Cinzia Ordine che volentieri sottolinea come, “il Lagrangia abbia voluto donare alla sua città un momento di cultura e di bellezza, di musica, di teatro e di danza unite ed integrate tra loro”.

Un grande successo per un lavoro che ha saputo cucire le tante anime dell’Istituto e coinvolgere tanti ragazzi in un progetto dal tema ‘alto’ ed importante, come ha specificato nelle sue ‘note’ di regia, delle quali riportiamo una sintesi,  Lorena Crepaldi,  docente del Laboratorio teatrale di Istituto:”Il mito di Orfeo attraversa trasversalmente tutta la storia della musica moderna senza mai conoscere cali di tensione o perdita di interesse: è un soggetto che da sempre affascina per la sua storia d’amore e morte. Il teatro in musica, fin dagli albori, elegge Orfeo come suo paladino; innanzitutto perché egli è la rappresentazione principe del canto, capace di vincere col suono della cetra e con la soavità della sua voce sulle forze della natura, di sfidare le leggi del mondo e dell’oltretomba.(…) Il racconto classico del mito di Orfeo giunge al Rinascimento riprendendo Platone, Virgilio, Ovidio e dal Seicento ad oggi, oltre a Monteverdi, Caccini, Scarlatti, Telemann, Gluck, Haydn, Offenbach, fino a Matteo Franceschini (My way to hell, 2010). Ma il nostro punto di partenza è stato il teatro musicale, in particolare l’opera monteverdiana l’Orfeo, favola in musica, su libretto di Alessandro Striggio, rappresentata per la prima volta al Palazzo Ducale di Mantova il 24 febbraio 1607, considerata l’opera che inaugura la stagione del melodramma”.

Il Mito di Orfeo che viaggia nel tempo e nello spazio: dal 1607 al 2017, da Mantova a Vercelli, da Monteverdi all'Orchestra ed al Coro del Liceo Musicale, coordinati dall’intero staff di docenti del Liceo Musicale.

Importantissima la danza, i momenti coreografici sono stati a cura di Marcella D'Apoli, responsabile del Laboratorio di Espressione corporea, e la suggestiva bellezza delle scene e dei costumi,  realizzati dagli allievi del Liceo Artistico guidati dalla creatività di Monica Falcone e Tiziana Salè.

Un grazie a Dosio Music per audio, luci e suono, insostituibile.

Ed eccoli un uno per uno, protagonisti e ruoli di questo Orfeo ‘targato’ Lagrangia:

 

Personaggi ed interpreti

Orfeo - Marco Aurelio Dabbene

Euridice - Marta Surbone

Hermes - Vinicius Targino Nunes

Clio - Costanza Tornari

Coro - Ilaria Carenzo, Federico Chiarello, Aurora Gabasio, Ylenia La Delfa, Veronika Krakovetska, Andrea Savino, Alessandro Toffani,  Umberto Tomaino, Rachele Tosatti

 

Cantanti solisti

Joseph Parisi - Tenore

Ginevra Parisi - Soprano

Alessia Cogliati – Soprano

Gaia Coggiola- Soprano

Simona Farina- Soprano

 

Danzatrici

Elena Cavaglià e Carlotta Siviero

 

Coro e Orchestra

Classe 1° - Ambra Aime, Lorenzo Aimone Ceschin, Mircea Anti, Gaia Bertolino, Alberto Capitini, Sara Caprioglio, Andrea Castagnoli, Lorenzo Cavallero, Alessia Di Nunzio, Omar Giuliana, Lorenzo Gonzino, Susanna Impellizzieri, Beatrice Ingui’, Jimenez Joshua, Mattia Macrì, Riccardo Marangoni, Valentina Massaro, Carlotta Moncalvo, Alessandro Piperno, Nicolò Piras, Gabriele Policelli, Thyly Procacci, Cristiana Rastelli, Clarissa Romano, Francesco Russo, Denis Santovito, Luca Tessitore, Marta Tonato, Samuele Trombettoni, Etienne Vital.

 Classe 2° - Gaia Baldin, Emanuela Capretto, Michael Checa, Conrotto Ariele, Jonathan Cuzzotti, Edoardo De Ambrogio, Simona Farina, Estrer Gavinelli,

Federico Lissandrello, Chiara Lucidi, Lorenzo Masiero, Nicolò Morrione, Camilla Rolando, Chiara Savitteri, Gioela Scomazzon, Tommy Selicati, Andrei Stoleru.

Classe 3° - Asia Bakayoko, Alessandro Balducci, Alessandro Cesare, Gaia Coggiola, Alessia Cogliati, Riccardo Fracasso, Giuseppe Garavana, Letizia Gatti, Sara Guida, Mirko Mingoia, Ginevra Parisi, Joseph Parisi, Leonardo Pellegrini, Mariaclara Quaranta, Alessio Strano, Alessandro Ugliotti