SOGGIORNO A DIGIONE

Nel mese di settembre 24 allievi dei diversi indirizzi del Liceo “Lagrangia” hanno partecipato al soggiorno linguistico in terra bordolese, a Digione. L’esperienza si è rivelata un successo, sia sotto il profilo umano che didattico, così come evidenziano le loro impressioni qui riportate:

PERCHE’ SCEGLIERE IL SOGGIORNO LINGUISTICO IN FRANCIA (Corinna)

Mi chiamo Corinna, anche quest'anno ho avuto l’opportunità di partecipare al viaggio studio in Francia, a Digione, dal 14 al 21 settembre, come ex allieva del liceo classico.  Avevo già, precedentemente, partecipato ai viaggi studio presso Lione e Nizza e, posso garantirvi che sono state delle esperienze suggestive, di arricchimento personale e linguistico.

Ho, infatti, avuto l’opportunità di migliorare le mie competenze linguistiche, grazie agli insegnanti madrelingua, altamente qualificati, conoscere tradizioni e, soprattutto, entrare in contatto con nuove persone che mi hanno accolta come se fossi parte della loro famiglia.

Anche il viaggio appena concluso, a Digione, si è dimostrato all’altezza delle mie aspettative.

Vi posso solo consigliare di partecipare ai futuri viaggi studio, organizzati dal nostro Istituto, tornerete, sicuramente soddisfatti e con un bel ricordo dell’esperienza trascorsa.

 

LA PRIMA ESPERIENZA ALL’ESTERO E L’ACCOGLIENZA NELLE FAMIGLIE (Viola e Sofia)

Per imparare al meglio le lingue, l'esercizio è fondamentale, per questo la scuola propone ogni anno soggiorni studio all'estero.

Per molti, come noi, era la prima esperienza lontano da casa: ci siamo messi alla prova di fronte alle insicurezze, alle responsabilità ed al cambio di abitudini.

Fortunatamente ad accoglierci c'erano famiglie davvero gentili e disponibili, che hanno reso indimenticabile questo viaggio mettendoci a nostro agio e dedicandoci la loro attenzione.

 

L’ASPETTO CULTURALE: VISITE GUIDATE NEI SITI E SCOPERTA DELLA CITTA’ (Giulia e Letizia)

Siamo Giulia e Letizia, due studentesse del liceo linguistico "Lagrangia".

Quest'anno abbiamo scelto di intraprendere un soggiorno studio a Digione, in Francia, che si è svolto dal 14 al 21 settembre.

In questa settimana abbiamo avuto modo di ampliare le nostre conoscenze linguistiche mediante corsi svolti durante la mattinata e conoscere la città grazie a delle visite svolte nel pomeriggio.

Molto interessante è stato "le percours de la chouette" (percorso della civetta) ovvero un percorso di 22 tappe, che ci ha permesso di scoprire i monumenti principali della città, come la chiesa di Notre-Dame, il palazzo dei duchi, Porte Guillame e Parc Darcy.

Molto produttive sono state, anche, le visite guidate, ovviamente spiegate in lingua francese come al "musée de la vie Bourguignonne", dove abbiamo avuto modo di conoscere come vivevano le persone del XIX - XX secolo e al "musée des Beaux-Arts".

Molto intrigante è stata la visita alla fabbrica del Pain d'Epices di Mulot e Petitjean, una nota azienda digionese nonché la più antica, nella quale è stato possibile vedere da vicino come avviene la loro produzione per finire con una piacevole degustazione.

Oltre a queste visite abbiamo avuto l'occasione di visitare due città vicine, Beaune e il Parc-musée d'Alesia.

È stata un'esperienza senz'altro indimenticabile anche grazie alle famiglie che ci hanno accolto facendoci sentire come a casa. Un'avventura che consigliamo soprattutto a coloro che vogliono scoprire nuove culture e nuovi stili di vita.

 

FARE SCUOLA (Giulia, Carola e Elisa)

Una delle attività più importanti svolte durante il nostro soggiorno linguistico è stata quella scolastica. Durante la nostra permanenza abbiamo frequentato per 5 mattine l'Ecole Suisse, una scuola (di lingua francese per stranieri) che, a nostro parere, è stata fantastica, sia per gli insegnanti che per gli argomenti affrontati. I professori sono stati molto gentili e disponibili nei nostri confronti e ci hanno aiutato molto per farci capire come funziona l'esame per la certificazione del DELF B1. Ci sono piaciuti molto anche gli argomenti trattati classe perché erano tutti argomenti di attualità.

 

CIBO, VINO E CONVIVIALITA’ (Giacomo)

Per quanto riguarda l’aspetto enogastronomico, la Borgogna, terra di vini e formaggi apprezzati in tutto il mondo, offre tantissimo. Per nostra fortuna, vivere questa esperienza ospitati presso famiglie locali ci ha permesso senz’altro di accostarci all’autentica cultura culinaria d’Oltralpe.

Tra le tante prelibatezze, oltre alla classica senape di Digione, alle baguettes, alle quiches, una piacevole sorpresa per me è stata gustare il Kir, un aperitivo tipico di Digione, a base di vino bianco e cassis, il liquore al ribes nero.

Effettivamente in Francia, così come del resto in Italia, il buon cibo e il buon vino sono parte integrante, direi fondamentale, di quei luoghi: non solo dunque chiese secolari e gallerie d’arte ma una cultura che passa anche attraverso la buona tavola.

 

IL TEMPO LIBERO (Elena e Chiara)

Durante il soggiorno linguistico a Digione, le giornate sono state scandite da lezioni, visite guidate ma anche tempo libero. Tutti i giorni, terminate le attività, avevamo a disposizione un’ora e mezza da trascorrere passeggiando per le vie del centro, facendo shopping nei vari negozi o degustando le specialità gastronomiche quali il Kir (solo i maggiorenni), il pain d’épices o l’immancabile crêpe.

Il ritrovo era sempre davanti al teatro municipale, quando le nostre insegnanti ci davano le ultime indicazioni e si accertavano che salissimo sul bus giusto! Anche questo un momento di ilarità e di apprendimento!


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.